Sostieni AGD Umbria e la ricerca sul diabete di Tipo 1

AGD Umbria, da anni e con varie modalità sostiene la di ricerca con borse di studio, acquisto di materiali e strumentazioni.

Più volte ha richiamato attenzione ai lavori dell’equipe della Prof.ssa Ursula Grohmann - Dipartimento di Medicina Sperimentale dell’Università di Perugia relativamente al Progetto: “Il catabolismo del triptofano come possibile nuovo bersaglio farmacologico nella prevenzione e terapia del diabete mellito di tipo 1”. AGD Umbria ha stretto con questo staff di ricercatori una vera e propria collaborazione e vorremmo condividere con Voi questo impegno nella speranza di contribuire, nel nostro piccolo, a nuovi sviluppi per debellare il Diabete T1.  

Sostienici

Vi invitiamo a dare il vostro contributo con la causale “PER LA RICERCA”, potete utilizzare:


Donazione con Paypal


Bollettino Postale C/C POSTALE: 14507065 intestato a: AGD UMBRIA ASSOCIAZIONE PER L’AIUTO AI GIOVANI CON DIABETE ONLUS


Bonifico Bancario, UTILIZZANDO IL SEGUENTE IBAN: IT39H 01030 03000 000005000007


NOVITA’

Qualora l’importo della donazione sia adeguato, potrete chiedere di ricevere uno o più degli oggetti presenti nella nostra mostra

AGD UMBRIA rendiconterà pubblicamente tutte le donazioni ricevute e le modalità di utilizzo di quanto sarà raccolto.

DONATE

ed aiutateci a diffondere l’informazione

Grazie a tutti

Richiedi i Gadget di AGD Umbria

Lampada e speaker - con un contributo minimo di € 25,00

Chiavetta USB 16GB, con scatola - con un contributo minimo di € 15,00

_________

Libro "Uno Chef per Gaia"

- con un contributo minimo di 16 €

“La Dolce Battaglia” Opera grafica originale e numerata del pittore Mario Ortolani 50x70 - con un contributo minimo di € 80,00

Chiavetta USB semplice 16GB - con un contributo minimo di € 10,00

Un telo in microfibra - con un contributo minimo di € 8,00

_________

Libro "Vivere e vincere con il diabete"

- con un contributo minimo di 10 €

“Non ti Voglio” di Marco Zenone

Chiavetta USB 16GB, in legno con scatola - con un contributo minimo di € 15,00

_________

Libro "La forza che ho dentro"

- con un contributo minimo di 12 €

___________

PRINCIPALI LINEE DI RICERCA DEL GRUPPO DELLA PROF.SSA URSULA GROHMANN

L’enzima indolamina 2,3-diossigenasi 1 (IDO1) è un enzima ad attività immunoregolatoria che svolge importanti funzioni in gravidanza nella tolleranza madre/feto ma anche nella prevenzione di patologie autoimmunitarie ed infiammatorie croniche. Da più di 15 anni, la Prof. Grohmann si occupa dello studio di IDO1 come possibile bersaglio di farmaci altamente innovativi in tali tipi di patologie utilizzando sia approcci genetici che biologici  in sperimentazioni in vitro ma anche in vivo. Studi molto recenti hanno permesso di evidenziare per la prima volta un importante difetto nell’espressione di IDO1 in pazienti pediatrici (in collaborazione con la Clinica Pediatrica di Perugia, l’Istituto Meyer di Firenze e l’Ospedale Bambino Gesù di Roma) con diabete autoimmune (diabete di tipo 1, T1D). In particolare, è stato scoperto che due terzi dei bambini con T1D presentano una carenza di IDO1 e che nella metà di questi (e quindi un terzo di tutti i pazienti in esame) il difetto di IDO1 è correggibile in vitro (cioè nelle cellule purificate dal sangue) con un anticorpo monoclonale (tocilizumab) diretto contro il recettore dell’IL-6, un mediatore infiammatorio. Pertanto, tali dati mettono in evidenza che la patologia è eterogenea e che il difetto di un potente immunoregolatore è correggibile con un farmaco già in uso in pazienti con artrite giovanile. Nell’attesa di poter procedere a dei mirati trials clinici con tocilizumab in pazienti le cui cellule rispondono in vitro a tale farmaco, nel laboratorio della Prof.ssa Grohmann sono in corso degli studi per identificare dei farmaci alternativi per potenziare l’attività dell’enzima IDO1 nei pazienti con malattie autoimmuni, tra cui anche il T1D. Tali farmaci, noti come modulatori allosterici positivi (PAM), possono aumentare l’azione di enzimi di interesse terapeutico. Al momento, il gruppo ha identificato una molecola naturale (un metabolita della serotonina) che presenta tale attività e una serie di molecole sintetiche molto più potenti (circa 10 volte) nell’aumentare l’azione di IDO1 in cellule esprimenti tale enzima. Sono in corso esperimenti nei topi, tra cui topi NOD (modello sperimentale del T1D), per valutare l’efficacia di tale molecole in condizioni patologiche. Le molecole PAM potranno fornire un’ulteriore arma terapeutica per correggere il difetto di IDO1 nei pazienti le cui cellule non rispondono al tocilizumab.

 

Sostienici ⇑ 

INSERIMENTO DEL BAMBINO GIOVANE CON DIABETE IN UMBRIA

Estratto: Deliberazione della Giunta Regionale N. 1450 del 10 dicembre 2018 “PROTOCOLLO D’INTESA PER LA SOMMINISTRAZIONE …

Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale del Paziente con Diabete tipo 1 Età Evolutiva

Deliberazione della Giunta Regionale N. 933 del 28/07/2014 Recepimento Accordo del 6 dicembre 2012 tra Governo, Regioni e …

Bilancio di missione 2019

Cari soci, il 2019 è stato un anno molto impegnativo che ha visto i nostri genitori volontari impegnati in decine di iniziative …