Direttiva 97/26/CE

Direttiva 97/26/CE

“Direttiva 97/26/CE del Consiglio del 2 giugno 1997 che modifica la direttiva 91/439/CEE concernente la patente di guida”
Gazzetta ufficiale n. L 150 del 07/06/1997 PAG. 0041 – 0043

DIRETTIVA 97/26/CE DEL CONSIGLIO del 2 giugno 1997 che modifica la direttiva 91/439/CEE concernente la patente di guida

IL CONSIGLIO DELL’UNIONE EUROPEA,

visto il trattato che istituisce la Comunità europea, in particolare l’articolo 75,
vista la proposta della Commissione (1),
visto il parere del Comitato economico e sociale (2),

deliberando secondo la procedura di cui all’articolo 189 C del trattato (3),

(1) considerando che la direttiva 91/439/CEE del Consiglio, del 29 luglio 1991, concernente la patente di guida (4) dispone che le patenti di guida nazionali siano rilasciate secondo il modello comunitario descritto nell’allegato I o I bis e che debbano indicare le condizioni alle quali il conducente è abilitato a guidare;

(2) considerando che detti allegati I e I bis prevedono che le eventuali diciture aggiuntive o restrittive sono indicate in forma codificata;

(3) considerando che i codici e i sottocodici riguardanti le condizioni di rilascio disciplinate dalla direttiva 91/439/CEE si applicano su tutto il territorio della Comunità;

(4) considerando che, in base al principio di sussidiarietà, è necessaria un’azione comunitaria al fine di permettere la comprensione e il riconoscimento reciproco delle patenti di guida e di facilitare la libera circolazione delle persone, evitando i problemi pratici che i conducenti, le imprese di trasporto su strada, le amministrazioni e gli agenti di controllo dovrebbero affrontare nel caso d’introduzione di codici divergenti negli Stati membri;

(5) considerando che è opportuno prevedere una procedura semplificata per permettere l’adeguamento degli aspetti tecnici dei codici comunitari armonizzati che figurano negli allegati I e I bis e l’adeguamento degli allegati II e III della direttiva 91/439/CEE;

(6) considerando che, in occasione della presente modifica, occorre, ai fini della chiarezza e della conformità con la direttiva 92/61/CEE del Consiglio, del 30 giugno 1992, relativa all’omologazione dei veicoli a motore a due o tre ruote , adeguare la definizione della dicitura «motociclo» per quanto riguarda la velocità per costruzione,

HA ADOTTATO LA PRESENTE DIRETTIVA:

Articolo 1

La direttiva 91/439/CEE è modificata come segue:

1) all’articolo 3, paragrafo 3:
a) al secondo trattino, l’indicazione «50 km/h» è sostituita da «45 km/h»;
b) il terzo trattino è sostituito dal testo seguente:
«- per “motociclo”, ogni veicolo a due ruote, con o senza side-car, munito di un motore con cilindrata superiore a 50 cc se a combustione interna e/o avente una velocità massima per costruzione superiore a 45 km/h.»

2) sono inseriti i seguenti articoli:

Articolo 7 bis

1. È definita, secondo la procedura di cui all’articolo 7 ter, una suddivisione dei codici comunitari armonizzati riportati negli allegati I e I bis, in particolare dei codici 04, 05, 44 e 55.
Si segue la stessa procedura anche per decidere se l’utilizzazione di certe suddivisioni di codici comunitari armonizzati debba essere eventualmente resa obbligatoria.

2. Gli emendamenti necessari per adeguare al progresso scientifico e tecnico la parte degli allegati I e I bis riguardante i codici armonizzati e gli allegati II e III sono adottati secondo la procedura di cui all’articolo 7 ter.

Articolo 7 ter

1. La Commissione è assistita da un comitato, denominato “comitato per la patente”, composto dai rappresentanti degli Stati membri e presieduto dal rappresentante della Commissione.

2. Il rappresentante della Commissione sottopone al comitato un progetto delle misure da adottare. Il comitato formula il suo parere sul progetto entro un termine che il presidente può fissare in funzione dell’urgenza della questione in esame. Il parere è formulato alla maggioranza prevista dall’articolo 148, paragrafo 2 del trattato per l’adozione delle decisioni che il Consiglio deve prendere su proposta della Commissione. Nelle votazioni al comitato, viene attribuita ai voti dei rappresentanti degli Stati membri la ponderazione definita all’articolo precitato. Il presidente non partecipa alla votazione.
a) La Commissione adotta le misure previste qualora siano conformi al parere del comitato.
b) Se le misure previste non sono conformi al parere del comitato, o in mancanza di parere, la Commissione sottopone senza indugio al Consiglio una proposta in merito alle misure da prendere. Il Consiglio delibera a maggioranza qualificata.
Se il Consiglio non ha deliberato entro tre mesi a decorrere dalla data in cui gli è stata sottoposta la proposta, la Commissione adotta le misure proposte.»;

3. All’allegato I, punto 2, pagina 4 della patente, e nell’allegato I bis, punto 2, pagina 2 della patente, lettera a), rubrica 12, il primo trattino è sostituito dal testo seguente:
«- codici da 01 a 99: codici comunitari armonizzati
01 Correzione della vista
02 Protesi auditiva/aiuto alla comunicazione
03 Protesi/ortosi degli arti
04 Subordinato al possesso di un certificato medico in corso di validità
05 Guida sottoposta a restrizioni per ragioni mediche
10 Cambio di velocità adattato
15 Frizione adattata
20 Sistema di frenatura adattato
25 Sistema di accelerazione adattato
30 Sistemi combinati di frenatura e accelerazione adattati
35 Dispositivi di comando adattati
40 Sistema di direzione adattato
42 Retrovisore/i adattato/i
43 Sedile del conducente adattato
44 Adattamenti del motociclo
45 Motociclo unicamente con side-car
50 Limitata al veicolo specifico/n. di telaio
51 Limitata al veicolo specifico/n. di targa di immatricolazione
55 Combinazione di adattamenti del veicolo
70 Cambio della patente n. . . . rilasciata da . . . (simbolo ECE/ONU se si tratta di un paese terzo)
71 Duplicato della patente n. . . . (simbolo ECE/ONU se si tratta di un paese terzo)
72 Limitata ai veicoli della categoria A di cilindrata non superiore a 125 cc e di potenza massima di 11 kW (A1)
73 Limitata ai veicoli della categoria B del tipo veicoli a motore a tre o a quattro ruote (B1)
74 Limitata ai veicoli della categoria C, la cui massa massima autorizzata non eccede 7500 kg (C1)
75 Limitata ai veicoli della categoria D, il cui numero di posti a sedere non supera i 16, escluso quello del conducente (D1)
76 Limitata ai veicoli della categoria C, la cui massa massima autorizzata non eccede 7 500 kg, sempre che la massa massima autorizzata del complesso così formato non superi 12 000 kg e la massa massima del rimorchio non ecceda la massa a vuoto della motrice (C1+E)
77 Limitata ai veicoli della categoria D, il cui numero di posti a sedere, escluso quello del conducente, non supera i 16 (D1), agganciati ad un rimorchio la cui massa massima autorizzata supera 750 kg, sempre che a) la massa massima autorizzata del complesso così formato non superi 12 000 kg e la massa massima autorizzata del rimorchio non ecceda la massa a vuoto della motrice e b) il rimorchio non sia utilizzato per il trasporto di persone (D1+E)
78 Limitata ai veicoli muniti di cambio di velocità automatico (Allegato II, 8.1.1, paragrafo 2)
79 (. . .) Limitata ai veicoli conformi alle specifiche indicate tra parentesi, nell’ambito dell’applicazione dell’articolo 10, paragrafo 1 della direttiva»

Articolo 2

1. Gli Stati membri mettono in vigore, previa consultazione della Commissione, le disposizioni legislative, regolamentari o amministrative necessarie per conformarsi alla presente direttiva anteriormente al 1° gennaio 1998. Essi ne informano immediatamente la Commissione.
Quando gli Stati membri adottano tali disposizioni, queste devono contenere un riferimento alla presente direttiva od essere corredate di siffatto riferimento all’atto della pubblicazione ufficiale. Le modalità relative al riferimento sono stabilite dagli Stati membri.

2. Gli Stati membri comunicano alla Commissione il testo delle disposizioni essenziali di diritto interno che essi adottano nel settore disciplinato dalla presente direttiva.

Articolo 3

La presente direttiva entra in vigore il giorno successivo alla pubblicazione nella Gazzetta ufficiale delle Comunità europee.

Articolo 4

Gli Stati membri sono destinatari della presente direttiva.

Fatto a Lussemburgo, addì 2 giugno 1997.
Per il Consiglio, Il Presidente
H. VAN MIERLO

Bilancio di missione 2019

Cari soci, il 2019 è stato un anno molto impegnativo che ha visto i nostri genitori volontari impegnati in decine di iniziative …

Servizio di assistenza psicologica gratuito alle famiglie umbre

DIABETE TIPO1 Servizio di assistenza psicologica gratuito alle famiglie umbre Dott.ssa Ilaria Milletti – Psicologa …

Proseguono i corsi di formazione generale nelle scuole rivolti a personale docente e ATA

Proseguono gli incontri di Agd Umbria nelle scuole della regione per la formazione del personale docente e ATA in merito …